Effetto Boris sulle Borse europee

Barò cosmetics, l’azienda dei fratelli Toppino, donerà 30 mila flaconi di igienizzante mani alla Regione
26 Marzo 2020
Coronavirus, le banche anticiperanno fino a 1.400 euro di cassa integrazione ai lavoratori
31 Marzo 2020

Negative le principali piazze finanziarie. Milano va giù

Borse europee sempre più pesanti dopo l’annuncio che il premier britannico Boris Johnson è positivo al coronavirus. Una notizia che ha scatenato le vendite su tutti i listini in una giornata resa difficile già dal rinvio della vigilia della decisione del Consiglio Ue sui ‘coronabond’. La peggiore è Londra (-5,2%), ma non fanno meglio Parigi e Madrid (-4,5% entrambe). In forte calo i futures Usa, che lasciano sul campo oltre il 3% a un’ora dall’avvio degli scambi. Sotto torchio anche Milano (-3,6%) e Francoforte (-3,5%). Tra i titoli più colpiti il colosso delle crociere britannico Carnival (-15%) e Royal Mail (-14%), che ha sospeso le stime per il 2020 al pari di Essilor Luxottica (-8,5%) a Parigi. Sotto pressione gli automobilistici Daimler (-6,25%), Volkswagen (-5,51%) e Bmw (-4%) dopo i timori sul settore di Moody’s e S&P. In Piazza Affari scivolone di Unicredit (-6,5%) ed Eni (-5,6%), congelata anche per eccesso di ribasso. Non riescono a fare prezzo neanche Nexi (-9,5% teorico), Azimut (-7,8% teorico) e Mediobanca (-6,5% teorico).

Borse quasi tutte positive in Asia e Pacifico, all’indomani di uno scivolone che aveva riguardato soltanto Tokyo per lo scattare dell’emergenza coronavirus nella Capitale giapponese. Rialzi soprattutto a Tokyo (+3,88) e Seul (+1,87%), caute Shanghai (+0,32%) e Shenzhen (+0,26%), deboli invece Taiwan (-0,38%) e Sideny (-5,3%), frenata dal calo delle quotazioni dei metalli ad eccezione dell’oro (+0,47%).  In arrivo dall’Italia e dalla Francia la fiducia dei consumatori, mentre da Oltreoceano sono attesi gli analoghi indicatori dell’Università del Michigan.

Contrastate Hong Kong (+0,38%) e Mumbai (-0,94%), ancora aperte. Negativi i futures sull’Europa e su Wall Street all’indomani del rinvio al Consiglio Ue di una decisione sui cosiddetti ‘coronabond’. Sotto pressione sulla piazza di Sidney gli estrattivo-minerari Fortrescue (-8,75%), Bhp (-5,3%) e Newcrest (-4,93%). Scivolone di Westpac Banking (-7,05%) e Commonwealth Bank (-6,7%).

Tratto da: http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2020/03/27/borse-milano-asia-rimbalza-spread-_58e62464-8216-4209-95cc-439c90bf3277.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *